Descrizione del lavoro eseguito:

  • ANNO DI PROGETTAZIONE: 2015
  • ANNO DI REALIZZAZIONE: in corso
  • COMMITTENTE: Nute Partecipazioni S.p.a.
  • TIPOLOGIA DI INTERVENTO:
    Progettazione Esecutiva Impianti Elettrici e Meccanici
    Direzione Lavori Impianti Elettrici e Meccanici
  • IMPORTO LAVORI: 3.616.825 €
  • SUPERFICIE COMPLESSIVA: ca. 7.000 m2

SCUOLA E MUSEO DELLA MODA
VIA DEL FONDITORE, 12 – BOLOGNA

La palazzina esistente (Edificio 2), costituita da quattro piani fuori terra e da un piano interrato, sarà destinata ad area espositiva. Impianti Elettrici e Speciali. La progettazione dell’illuminazione si è posta il duplice obiettivo di garantire un elevato comfort visivo ed il contenimento dei consumi energetici. Per consentire un allestimento flessibile delle mostre, l’illuminazione nelle aree espositive sarà realizzata con binari attrezzati e faretti LED con ottiche intercambiabili. Come per l’Edificio 1, l’illuminazione di sicurezza/emergenza è conforme al DM 26/08/1992 (scuole con più di 100 persone). La gestione centralizzata del sistema, oltre ad effettuare test automatici sui dispositivi del sistema e monitoraggi di ogni apparecchio di illuminazione, consentirà la programmazione delle modalità di esercizio in funzionamento: permanente / non permanente / permanente con comando centralizzato. Gli apparecchi utilizzati per l’illuminazione di sicurezza  saranno completamente autonomi dall’illuminazione ordinaria. Ciascun edificio sarà dotato di propria centrale di rilevazione incendi. All’interno della Palazzina è prevista l’installazione di rilevatori in ciascun locale ed in ogni spazio nascosto; ad integrazione del sistema di rilevazione incendi, sarà installato un sistema di altoparlanti conforme  alla Norma UNI EN 60849 del 2013. Saranno inoltre realizzati un impianto antintrusione ed un impianto di videosorveglianza. Impianti Meccanici. Il complesso prevede il riscaldamento ed il  condizionamento mediante ventilconvettori prevalentemente installati in aderenza al soffitto, schermati da una lastra in cartongesso. La soluzione è ritenuta funzionale per la destinazione d’uso per la velocità di messa a regime anche dopo assenza prolungata, per la capacità di abbattimento di elevati carichi termici e per la flessibilità degli spazi.

Nella zona magazzino si prevede il recupero dell’impiantistica esistente, costituita da unità di trattamento aria a tutto ricircolo. L’intera area sarà dotata di impianto di ventilazione meccanica dell’aria primaria adeguata a garantire il rinnovo di aria ed il controllo dell’umidità ambientale. L’acqua calda, il cui consumo risulta molto limitato dato l’utilizzo saltuario della struttura, continuerà ad essere prodotta tramite boiler elettrici di nuova installazione. Per la produzione del fluido termovettore invernale è già presente una  centrale termica a servizio dell’intero complesso. La palazzina sarà dotata di copertura fissa antincendio a mezzo di idranti dimensionata secondo i criteri della Norma UNI 10779 per Aree di Livello 1 con protezione solo interna, come prescritto dal DM 27/07/2010.